Jacques Delacôte, protagonista indiscusso della serata. Già nell’ouverture ci ha incantato con brio appassionato, ha acuito i conflitti drammatici per poi farli esplodere. Con l’orchestra di stato il direttore ha saputo diffondere un sapore musicale mediterraneo.
(Carmen, Bayrische Staatsoper) – MÜNCHNER MERKUR, 1996

Il vero protagonista della serata è stato il direttore d’orchestra Jacques Delacôte che con la sua maestria ha dato forma all’opera. E’ impressionante come Delacôte sia riuscito ad elaborare la differenza tra il carattere oratorio del primo e terzo atto e la forza drammatica racchiusa tra i due ed è entusiasmante come, sempre con naturalezza, sia stato capace di creare tensioni, di rendere centrale nella partitura il grande duetto tra Sansone e Dalila che poi porta con forza alla catastrofe.
(Samson und Dalila, Opernhaus Zürich) – NEUE ZÜRCHER ZEITUNG, 1997

Palcoscenico ricco di tensioni con Jacques Delacôte sul podio, che ha portato i musicisti a dare vita a incantevoli, dinamiche e affascinanti differenziazioni agogiche, assicurando il trionfo già nella fossa dell’orchestra.
(Carmen, Bayrische Staatsoper) – DER NEUE MERKER, 1999

Grande inebriamento proveniente dalla fossa dell’orchestra, dove Jacques Delacôte ha saputo esprimere come sempre slancio e tensione.
(La Bohème, Bayrische Staatsoper) – DER NEUE MERKER, 2001

English English
Deutsch Deutsch
Français Français
Español Español
Italiano Italiano
Jacques Delacote